Archivi per la categoria: Pubblicità

Mi è capitato di vedere questa immagine su FB, vantava un numero spropositato di condivisioni.

True Story!

La prima cosa che mi ha fatto pensare non è quanto FIFA13 sia meglio del suo rivale PES2013.
Ho pensato che una immagine così io l’avevo già vista, quando da studente facevo il Merchandiser nei centri commerciali e nei megastore dell’informatica.

Probabilmente quest’immagine è frutto di una piccola intuizione… fare una foto subito dopo aver finito di montare il dispenser ma prima di aver disposto tutte le copie di Fifa13 ha dato l’occasione di creare un meme per i social che indirettamente dicesse quale tra i 2 rivali nei videogiochi di calcio fosse il più apprezzato dai giocatori.

Non serve poi molto per innescare una comunicazione virale, a volte anche una piccola intuizione.

Voglio raccontarvi una storia vera. (*)
Una storia vissuta da persone reali come voi, come me, come tutti.
Una storia vera per dare un esempio concreto di cosa si intende quando si parla di “Marketing Esperienziale”.
Quando un consulente vi parla di “marketing esperienziale” o di “marketing emozionale”, solitamente inizia parlandovi della necessità di aggiungere al vostro prodotto un’esperienza positiva per i vostri clienti, insomma vi sta dicendo di investire risorse nella generazione di emozioni che rendano l’acquisto del vostro prodotto un momento unico.

Nella mente di chi ascolta una frase del genere, si addensano seri dubbi. A volte capita di ricevere una risposta che più o meno recita così: “Ma di che diavolo stai parlando? La mia ditta fa brugole in titanio!”
Perfetto, sto parlando anche a te, devi pensare all’esperienza complessiva, non solo alla qualità del tuo prodotto ed eccotene un esempio.

La Alpi Rubinetterie è una ditta in provincia di Novara, leader del settore della progettazione e della realizzazione dei miscelatori termo statici.

Eos2

La Eos s.r.l. è un negozio che vende pavimenti e componenti d’arredo, che ha saputo fare dell’alta qualità un suo carattere distintivo.

I Signori Quirico (nome di fantasia) è una coppia che nella ristrutturazione del loro bagno hanno acquistato alla Eos un box doccia con dei rubinetti prodotti dalla Alpi Rubinetterie.

Qualche giorno dopo l’acquisto il Signor Quirico telefona al titolare della Eos lamentando una perdita continua del rubinetto della nuova doccia, il classico gocciolamento che toglie il sonno. Il titolare tempestivamente gira la lamentela al fornitore (la Alpi Rubinetterie) che invia un tecnico e si fa subito carico di qualunque spesa aggiuntiva necessaria.

Il tecnico sostituisce un componente del rubinetto (il miscelatore) che pero’ si rivela non sufficiente a risolvere il problema e constata la necessità di sostituire completamente il rubinetto, una bella seccatura per i signori Quirico.

Qualche giorno dopo la visita del tecnico il campanello di casa Quirico suona ancora ed un corriere espresso recapita un pacco misterioso. I coniugi Quirico si interrogano se qualcuno dei due avesse ordinato qualcosa per posta, ma nulla, il pacco rimane avvolto dal mistero finché la Signora Quirico (le donne sono sempre risolutive) decide di aprirlo scoprendo al suo interno una pregiata cassa in legno a protezione di una bottiglia di Champagne.

La lettera che accompagnava la cassa era firmata dalla Alpi Rubinetterie, che si scusava per il disagio creato dal malfunzionamento del prodotto (a causa di un difetto di fabbrica non prevedibile) e assicurando che l’intero rubinetto sarebbe stato sostituito nel giro di pochi giorni con uno nuovo. Nel frattempo cercava di rimediare con un presente che sperava essere gradito.

Ecco come trasformare un problema in un’opportunità.
L’opportunità di dimostrare che gli imprevisti possono sempre accadere, ma è il modo in cui ne facciamo fronte che fa la differenza.

Quanti di voi si stanno interrogando sul costo di questa operazione? Lo champagne, il corriere..
Fate bene, chi non lo fa non sa fare il proprio lavoro.
Ma vi state chiedendo quanto costa alla vostra azienda un cliente scontento che parla male di voi ai suoi amici? Vi siete chiesti invece quanto valga una storia come questa passata di bocca in bocca?

(*): a dimostrazione della veridicità della storia potete chiedere conferma direttamente alla EOS sulla sua pagina Facebook.

Cosa si nasconde dietro queste pagine che sembrano innocue ed invece nascondono delle vere e proprie truffe?
6000 mi piace in 6 ore, e poi sempre di più in maniera esponenziale e commenti e condivisioni e la pagina si diffonde come un’onda che ne genera tante altre, inarrestabile… è la viralità in rete. Il santo Graal di ogni responsabile di web marketing.

immagine pagina apple

In questi giorni però Facebook è invaso da pagine che promettono facili vincite di prodotti apple che non potrebbero essere venduti perché non sigillati. Leggi il seguito di questo post »